frecciagialla

Foto & Grafia
Alberto Maria Melis


"E' un'illusione che le foto si facciano con la macchina ... si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa ..."

 

H. C. B.




15 ottobre 2019

Manifestazione per il Clima del 27 settembre a Cagliari


15ottobrefotoblog

Fino a quando i ragazzi avranno voglia di marciare insieme e di gridare forte la loro protesta, ci sarà una speranza.


Vai alla foto originale
pulsante1




7 settembre 2019

“Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli …(…) che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel profondo del mare” Matteo 18,16.


14agostofotoblog

Due giorni fa Rayem, un bambino italiano di tre anni dalla pelle nera, figlio di un immigrato, si è avvicinato alla carrozzina condotta da una coppia ventenne, per quella sorta di ipnotica attrazione che spinge i piccolini a osservare i nuovi venuti, ovvero a rispecchiarsi istintivamente in un'altra vita appena venuta al mondo. Prima ancora, però, che gli occhi di Rayem potessero pascersi di meraviglia, il maschio della coppia ha infierito su di lui con dei calci allo stomaco, perché non si avvicinasse al sangue del suo sangue. Vent'anni l'uomo, tre anni il bambino. Abbastanza il primo per mettere in pratica i dettami appresi alla scuola dell'odio che è diventata l'Italia negli ultimi quindici mesi. Abbastanza il secondo per mantenere memoria a vita dell'esser stato vittima.

Vai alla foto originale
pulsante1




14 agosto 2019

14agostofotoblog
I

Molti uomini e molte donne, in questa estate torrida e feroce, hanno chiamato la Capitana Carola Rackete della Sea Watch "ragazza". Con amore, con odio, con ammirazione, con disprezzo, con tenerezza, con superiorità, con complicità da pari a pari in uno specchio.
Dopo aver "scoperto" questa foto che risale al 2017, uno scatto non ben visionato tra i centinaia fatti in occasione di un incendio nella zona industriale di Cagliari, non riesco a pensare, col fiato sospeso e il cappello in mano, che a questo titolo:

Ragazze


Vai alla foto originale
pulsante1




11 agosto 2019

MamadouGrande

Esistono tanti modi di pregare quanti probabilmente di bestemmiare. Saperli riconoscere e distinguere gli uni dagli altri, anche laicamente, è ciò che ci impedisce di credere agli idoli, e di prestar fede agli architetti dei moderni sabba, ovvero a chi sventola santini e rosari mentre inchioda sulla Croce, o affoga in mare aperto, gli ultimi della Terra.

Non so quali pensieri stesse rivolgendo a Dio questo rifugiato, sotto un maestoso ficus in Viale Trieste, a Cagliari, né se le sue fossero suppliche, rimproveri o ringraziamenti. Però di sicuro erano preghiere, non bestemmie.


Vai all'album
pulsante1




5 agosto 2019

MamadouGrande

Non conosco il nome di questo bambino, so solo che un mio amico lo chiama Mamadou Grande. Lo fotografai in Piazza del Carmine durante un torneo di scacchi, dopo aver chiesto con un cenno della testa il permesso a sua madre. Ho ripensato a lui oggi perché oggi il Senato della nostra Repubblica ha definitivamente approvato un decreto costruito appositamente per impedire alle navi delle Ong di soccorrere i naufraghi nel Mediterraneo, lasciando loro quali uniche alternative quella di affogare o di essere riportati coattivamente nei lager libici dove ogni respiro è tortura e morte.

Una trappola ordita contro tutti i Mamadou a cui sono state legate le mani dietro la schiena, per impedirgli di giocare la partita a scacchi più importante della loro vita, quella per la sopravvivenza.



Vai all'originale
pulsante1



3 agosto 2019

foto3agosto

L’istinto degli uccelli per il volo e dei bambini per l’arrampicarsi ha qualcosa di simile: è repentino, inarrestabile, liberatorio.



Vai all'originale
pulsante1




2 agosto 2019

foto2agosto
Oggi, 2 agosto, anche in Italia si celebra La Giornata Europea e Mondiale del Porrajmos o Samudaripen, lo sterminio di centinaia di migliaia di rom e sinti sotto il regime nazista.
In Memoria.


Vai all'album Il ricordo che non avevo
pulsante1



31 luglio 2019

fotowilliam2
Del funerale del giovane William, morto in un incidente stradale nell'ottobre del 2018, si è discusso a lungo sulla stampa locale, per la vastissima partecipazione degli abitanti dei quartieri popolari di Cagliari e per le sue modalità, che hanno sollevato molte polemiche. Personalmente - credo di essere stato l'unico fotografo che ha seguito il corteo e assistito alla tumulazione della salma - ho visto e respirato solo un immenso dolore: di fronte al quale, soprattutto se si ha in mano una macchina fotografica, conta solo il rispetto.


Vai all'album Il funerale di William
pulsante1




27 luglio 2019


edimburgo

A guardarli in viso, gli Uomini della Pacchia, quelli che partendo dall'Africa non sono affogati nel Mediterraneo diventato il più feroce dei mari, quelli che si sono ritagliati spazi angusti e corridoi d'ombra per sopravvivere, quelli che nonostante tutto riescono ancora a raschiare dal fondo un po' di denaro da rimettere a casa, a guardarli bene in viso, a volte, hanno negli occhi la stanchezza di vivere. La stanchezza di noi.


Vai all'album Da un paese lontano
pulsante1



26 luglio 2019


edimburgo

Royal Mile a Edimburgo, ora di punta, lei è una ragazzina di probabile origine pachistana, 14 anni, forse. E' sola. Si avvicina decisa a un falconiere, anch’esso straniero,  che sbarca il lunario con tre grossi rapaci tenuti impietosamente  in gabbia. Discute con lui per qualche minuto, poi indossa sul braccio sinistro un grosso guanto a protezione degli artigli del rapace e quindi chiede al falconiere di scattarle alcune foto col cellulare che poco prima gli ha affidato. Si intuisce subito che non è il solito scatto da gettare nella fornace di facebook o di istangram. Lei abbraccia il rapace con tenerezza, sfiora col naso le sue piume, lentamente, socchiude gli occhi e se ne pasce. Certo è solo una suggestione: ma l’impressione è che la ragazzina ripercorra qualcosa di già avvenuto, forse lontano da Edimburgo e dalla Scozia, forse in un luogo che chiamava casa.


Vai all'originale su Flickr
pulsante1
24 luglio 2019


mangiabarcheblopiccola

Poi pensi che Gerusalemme, semplicemente, non potrebbe esistere. Non con la sua storia di fede e sangue a ogni muro di ogni crocicchio. Non con la babele sorda di lingue reciprocamente inascoltate. Non con le vie crucis a gomitate nel suq, i venerdì armati contro il nemico eletto, i canti e i balli degli tzaddikim folli di gioia sulla spianata, protetti da soldatesse falascià dalla pelle nera, poco più che bambine. Sui portoni delle più antiche chiese di Gerusalemme troverete spesso un cartello che vi prega di non portare armi oltre il sagrato, sui muri di cinta dei luoghi diversamente sacri e delle mille rappresentanze consolari scorgerete interminabili corone di filo spinato. Eppure la città sui sette colli che non potrebbe esistere, semplicemente esiste e continuerà a esistere. Almeno siano a quando su ogni intrigo di filo spinato continueranno a posarsi i passeri.

Vai alla galleria su Flickr
pulsante1



23 luglio 2019


mangiabarcheblopiccola

A Saintes Maries de La Mer, in Camargue, Francia, ogni anno si svolge la processione a mare di Santa Sarah Kalì, Sara la Nera, venerata da tutti i rom, i sinti, i manouches e i kalo europei ed extraeuropei di religione cattolica. La statua della Santa, che la tradizione vuole originaria dell'Alto Egitto, serva nera di Maria Salomé, custodita per tutto l'anno nella cripta della locale cattedrale, il pomeriggio del 24 maggio viene portata sino al mare, accompagnata da una folla immensa. Il 24 maggio del 2015 a seguire Santa Sara, e i cavalieri che le aprivano la strada sino al mare, c'ero anch'io. Appesantito dalle scarpe e dagli abiti inzuppati, ma proprio a un passo dal cavallo che improvvisamente si è imbizzarrito e poi è precipitato su un fianco. A processione conclusa, e a scarpe ed abiti cambiati in un carrozzone manouche, la festa è continuata per le strade di Saintes Maries de La Mer.

Vai alla galleria su Flickr
pulsante1



23 luglio 2019

mangiabarche2
mangiabarcheblopiccola

Inauguro queste pagine dedicate alla fotografia col mio amico Mangiabarche. So di non essere l'unico che definisce così questo piccolo faro situato su uno scoglio a qualche centinaio di metri dalle coste di Calasetta, in Sardegna. E' un privilegio che credo di essermi guadagnato, come altri, stando lì con la mia macchina fotografica, a volte completamente da solo, mentre mare e vento lo mettevano a dura prova. Mangiabarche, come tutti i fari, ma in particolare quelli esposti alle grandi onde di burrasca, è generatore di Meraviglia e di Poesia, ma anche metafora di Resistenza. Ancor più in questi tempi in cui dalla terraferma si chiudono impunemente i porti e si nega ogni speranza ai naufraghi.

Vai alla galleria su Flickr
pulsante1
Vai alla galleria su Flickr pulsante1
Vai alla galleria su Flickr pulsante1








rotusitala@gmail.com